Come scrivere l’email a un editore e non farsi cestinare subito

Come presentarsi a un editore

Hai messo la parola fine al tuo testo, l’hai lasciato decantare settimane e poi l’hai riletto e magari fatto leggere a qualcuno di tua fiducia. L’hai corretto un milione di volte e poi? Hai cercato gli editori più adatti al tuo lavoro e ti sei bloccato lì, davanti alla email.

Ci sono delle regole da rispettare quando mandiamo il nostro sudatissimo manoscritto a una casa editrice. Ho avuto queste informazioni da un professionista del settore e ti assicuro che sono davvero utili.

Partiamo dall’oggetto della mail, nel quale dobbiamo scrivere: Proposta manoscritto “Titolo del romanzo”

Dopo bisognerebbe iniziare la mail con: Mi chiamo Pinco Pallo e vorrei porre alla vostra attenzione il mio manoscritto… Allego una breve sinossi con nota biografica e il testo in pdf, (pdf, questo è importante perché in questa versione potrà essere letto da chiunque su qualsiasi dispositivo, se non sai come convertirlo da word a pdf puoi contattarmi). I file allegati vanno così nominati: Nome Cognome titolo romanzo, Sinossi Nome e Cognome.

In fondo alla mail devi mettere i tuoi contatti e anche nella prima pagina del manoscritto sotto il titolo. RICORDA di mettere il numero alle pagine del manoscritto!

Ora parliamo della sinossi: scrivi anche qui il titolo del romanzo e di quante cartelle è composto, poi devi descrivere brevemente la trama e tenere la giusta misura tra quello che è importante dire e ciò che è meglio non dire. Dovrebbe essere lunga mezza cartella (cartella standard 1800 battute spazi inclusi, se non sai come calcolarla scrivimi che te lo spiego). Devi incuriosire chi leggerà, facendogli capire che c’è un mondo da scoprire moooolto interessante nel tuo manoscritto. Sempre nel file della sinossi puoi aggiungere un paio di righe sul tuo stile, ad esempio limpido, scorrevole, ecc. Potrebbe essere interessante sintetizzare il tuo romanzo in una frase e per ultimo la nota biografica. La biografia deve essere breve e con un senso, non scrivere che ami gli animali o che presti servizio di volontariato (come ho fatto io :-)), scrivi se hai avuto altre esperienze di scrittura, se hai frequentato corsi e aggiungi la tua età. In ogni caso devi essere umile e coinciso.

Se qualcosa non ti è chiaro, sono qui.

5 pensieri riguardo “Come scrivere l’email a un editore e non farsi cestinare subito

    1. No Moon, ci sono diversi fattori che intervengono nelle scelte delle CE. Ad esempio se il tuo manoscritto aveva qualcosa in comune con un altro che avevano già pubblicato e non aveva i requisiti giusti. Poi dobbiamo essere attenti a quali CE lo mandiamo. Deve rientrare nelle loro scelte editoriali, ma comunque la storia deve essere un pochino diversa. Se vuoi un consiglio e una valutazione, puoi mandarmi alcune pagine del manoscritto.

      Piace a 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...