Straordinaria scoperta: i giudizi negativi sono una bufala!

Come affrontare i giudizi negativi ai nostri testi, ai nostri lavori?

Ho ricevuto da una blogger una recensione al mio romanzo Luminescence: solo tre stelle su cinque. Delusione? Un po’. Poi ho letto il resto, ha sminuito la forza dei personaggi infilandoli in schemi del tipo angeli particolarmente manzi che si battono per la fanciulla in pericolo per qualche ragione celeste. E chiaramente non sono d’accordo perché la storia non è quella. Allora perché lei ha puntato il dito su dettagli del romanzo che io non vedo così?

Perché la mappa non è il territorio.

La nostra realtà, o meglio quello che vediamo, sentiamo, percepiamo della realtà viene continuamente filtrata attraverso le nostre conoscenze, le nostre credenze e le nostre esperienze. Non esiste una sola realtà e non possiamo pretendere che gli altri colgano nello stesso modo il territorio.

Per intenderci: se assistiamo in più persone a un incidente, saremo colpiti da cose diverse durante la dinamica. Quindi ricorderemo sì lo stesso incidente, ma non nell’identico modo. E questo perché ognuno di noi vede il territorio, ma nella propria mente quando creerà il ricordo disegnerà la sua mappa.

Se qualcuno giudica negativamente il nostro lavoro non deve essere una tragedia. Semplicemente si è fatto una mappa diversa dalla nostra. Cercava altro in quello che ha letto. Perché alla fine tutti noi leggiamo cercando qualcosa che ci accomuni al personaggio, o che ci dia dei ricordi, o emozioni già provate o mai provate che però aneliamo.

Quando ho finito di leggere la recensione ero comunque contenta. La blogger ha fatto ricerche sui personaggi di cui parlo nel romanzo, i Nephilim, e questo mi ha dato grande soddisfazione, nonché ha dichiarato che è scritto benissimo e lo stile è impeccabile, preciso, dettagliato e trova belle le scene di combattimento angelico. E la cosa più importante: dato che ha ammesso di essere avanti con gli anni e non amare il genere, piacendole comunque la mia scrittura, leggerà Come il cielo di Belfast.

Non siamo noi a scegliere ciò che viene scritto del nostro lavoro, ma siamo noi a scegliere come affrontare le critiche. E questo vale per la scrittura e anche nella vita di tutti i giorni. La mia realtà, la visione che ho di Luminescence è giusta, e anche la visione che ne ha la blogger è giusta. La società ci ha abituati allo schema io ho ragione e tu hai torto. Troppo spesso hanno ragione entrambe le parti, dipende solo dai punti di vista. Dalla nostra mappa.

La prossima volta che riceverai una giudizio negativo, riflettici e fai autocritica, però ricorda che la mappa non è il territorio.

7 pensieri riguardo “Straordinaria scoperta: i giudizi negativi sono una bufala!

    1. Ciao wwayne, i miei romanzi li puoi trovare sia in ebook che cartaceo su tutte le librerie online, come Amazon. Puoi anche prenotarli in libreria, da Mondadori Store dovresti riceverli in tempi brevi. Se hai difficoltà fammi sapere. Buon domenica.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...